venerdì 19 gennaio 2018

ISIA Faenza Inaugurazione Anno Accademico 2017/2018 Lectio Magistralis di Giulio Iacchetti "Design: disegnare il desiderio"





31 gennaio ore 18
Palazzo Mazzolani
Corso Mazzini 93, Faenza
Il 31 gennaio 2018 presso la sede dell’ISIA Faenza nello storico Palazzo Mazzolani, si terrà l’inaugurazione dell’Anno Accademico 2017/2018 con una Lectio Magistralis del designer Giulio Iacchetti dal titolo "Design: disegnare il desiderio". Insieme al presidente dell’ISIA di Faenza Giovanna Cassese e al direttore Marinella Paderni, interverranno anche Patrizio Bianchi - Assessore al Coordinamento delle Politiche europee allo sviluppo, Scuola, Formazione professionale, Università, Ricerca e Lavoro, Giovanni Malpezzi - Sindaco di Faenza, e Massimo Isola - Vicesindaco ed Assessore alla cultura e alla ceramica del Comune di Faenza. 
ISIA Faenza – l’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche Design e Comunicazione - che fin dalla sua fondazione opera nell’ambito dell’alta formazione del design, oggi è un’istituzione di primo piano nel mondo della creatività e della progettazione contemporanei e, grazie anche alla nuova governance di Cassese e Paderni, sta sviluppando un dialogo sempre più serrato tra formazione, ricerca, produzione e valorizzazione nell’ambito e per la diffusione della cultura del design.
Giulio Iacchetti nel suo intervento "Design: disegnare il desiderio" partirà dalla genesi del processo formativo del singolo individuo e, nel caso specifico, degli studenti che vogliono diventare designer, chiedendo loro di interrogarsi sui propri desideri. La formazione del designer non deve avere uno scopo puramente occupazionale, ma deve in primis esaudire il desiderio personale di chi progetta, per diventare poi il professionista che soddisfa i desideri degli altri. Avere un’idea nitida di ciò che si desidera è il presupposto per capire cosa si vuole progettare, con chi e soprattutto per chi, conquistando un rapporto di autenticità con se stessi e con gli altri, realizzando il ruolo fondamentale del designer di traduttore tra il proprio immaginario personale e il mondo esterno.
Una delle specificità del lavoro di Giulio Iacchetti è sempre stata l’interesse per le connessioni tra artigianato e design, un binomio sviluppato costantemente da ISIA Faenza attraverso il rapporto con la tradizione ceramica faentina, potenziato in quest’anno accademico con l’introduzione di un nuovo corso di Design dei prodotti ceramici all’interno della proposta formativa del Triennio e del Biennio, che va ad arricchire un programma di studi che unisce i laboratori pratici - un unicum delle università italiane, dove lo studio della progettazione va di pari passo con la realizzazione manuale e oggi anche digitale del prodotto – agli insegnamenti di scienza e tecnologia dei materiali e dei processi industriali fino ad arrivare al design della comunicazione, all’automotive, al food e al fashion design.
È un onore per l’ISIA di Faenza celebrare l’inaugurazione del nuovo anno accademico con un intervento di Giulio Iacchetti, designer di fama internazionale e sensibile interprete delle nuove tendenze nel campo della progettazione, aperte agli intrecci tra ricerca tecnologica e saperi tradizionali, al dialogo tra i linguaggi delle arti e dell’artigianato, al recupero delle tipicità italiane come la ceramica, di cui Faenza è un simbolo nel mondo. - afferma Marinella Paderni direttore dell’ISIA di Faenza - “Una vocazione al design come “disegno del mondo” e patrimonio culturale del futuro che contraddistingue il nuovo corso dell’ISIA nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, a cui il nostro ISIA dedicherà un evento ad hoc.” - continua il presidente Giovanna Cassese - “Sarà un anno importante il 2018, ricco di eventi e cambiamenti come la nuova offerta formativa ordinamentale del biennio, la partecipazione al salone del Mobile e l’inaugurazione della nuova Biblioteca di Design, la prima dell’Emilia Romagna”.
Non solo didattica - teorica e pratica - per l’ISIA Faenza, ma un sistema consolidato di rapporti e relazioni che mettono in contatto gli studenti con tutti i player del sistema design, sia del territorio faentino che con designer e artisti italiani e internazionali, organizzando workshop, eventi e incontri, come ad esempio il ciclo di conversazioni In Between per riflettere su design, impresa 4.0 e le arti o ancora il prestigioso “Premio Nazionale delle Arti 2017 – Sezione design” dal titolo Future is Design, XII edizione, che si è tenuto lo scorso settembre presso l’Istituto faentino  e che ha avuto grande successo di critica e di pubblico, con i suoi eventi collaterali la mostra Builders of Tomorrow al MIC di Faenza e il Convegno Oltre il confine, dialoghi e contaminazioni per un’estetica e una didattica del design del terzo millennio  di cui in primavera verranno pubblicati gli atti.

ULTRAREAL WORLD La prima sala di cinema 360° d’Italia presenta Perceptions





venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 gennaio 2018
BASE 
Via Bergognone 34, Milano



Il 19, 20 e 21 gennaio Ultrareal World presenta Perceptions: un'esperienza sensoriale che stressa le potenzialità della realtà virtualee che riflette sul tema della percezione, un’indagine empirica sulla vista e le possibilità dell’occhio - principe della realtà virtuale - che si scontra con la fallace fisicità del reale.
Notes on Blindness, presentato in anteprima al Sundance Film Festival e in concorso al Tribeca, è un documentario che esplora l’esperienza cognitiva ed emotiva dello scrittore e teologo John Hull, che registrò il suo percorso di perdita, rinascita e rinnovamento a partire dalla perdita della vista.     
In Come Closer, il protagonista riacquista la vista grazie ad un intervento, ma i suoi occhi sembrano aver sviluppato un particolare malfunzionamento - o forse una nuova funzione percettiva.
L’indagine sulla percezione si apre alla satira sulla tecnologia VR di Extravaganza, presentato al Tribeca Film Festival e realizzato con una composizione di animazione 3D e live action, una meta-riflessione sul virtuale e il suo impatto sull’individuo: una volta indossato il visore, lo spettatore si troverà protagonista di uno spettacolo burattinesco, in un ribaltamento di prospettiva sotto gli occhi indiscreti di un inquietante pubblico umano.        

Ad arricchire il programma anche Tomorrow, viaggio nel tempo che ricostruisce la storia del linguaggio umano, Sergeant James (Tribeca 2017), che cattura le innocenti quanto misteriose percezioni dei bambini nel buio e Amor de Abuela, il racconto di due diverse percezioni del Sud America: con o senza luce.

Ultrareal World è un progetto di Milano Film Festival e BASE realizzato in collaborazione con Fastweb Digital Academy, la nuova scuola per le professioni digitali, e grazie ai visori Samsung Gear VR.

BIGLIETTI
Ingresso singolo € 6,00
I biglietti sono disponibili unicamente online al sito www.milanofilmfestival.it
Extravaganza
PROGRAMMA
Programma VR 1
Venerdì 19 gennaio h 19:00, 20:00, 21:00, 22:00     
Sabato 20 gennaio h 15:00, 16:00, 17:00, 18:00, 19:00, 20:00, 21:00, 22:00         
Domenica 21 gennaio h 15:00, 16:00, 17:00, 18:00, 19:00, 20:00, 21:00, 22:00    

Notes on Blindness / A. Colinart, A. La Burthe, P. Middleton, J. Spinney / France, Royaume-Uni / 2016 / 6’      
Dopo la pubblicazione, i diari di John furono descritti dall'autore e neurologo Oliver Sacks come "un capolavoro ... Il racconto più preciso, profondo e bello della cecità che abbia mai letto".
Queste registrazioni di diario originali costituiscono la base di questo progetto, un documentario che utilizza nuove forme di narrazione per esplorare la sua esperienza cognitiva ed emotiva di cecità. Ogni scena indirizzerà una memoria, un momento e una posizione specifica dal diario audio di John, utilizzando le animazioni 3D in tempo reale per creare un'esperienza completamente immersiva.       

Come Closer / Gianluigi Perrone / China / 2017 / 8’
Quando Cassandra apre i suoi nuovi occhi artificiali, riesce per la prima volta a vedere il mondo. C’è però un malfunzionamento, o forse una nuova possibilità percettiva.
Amor de Abuela / Jessie Hughes / USA, Australia, Guatemala / 2017 / 7'      
Ragazzi molto simili, diverse opportunità. Ateli e Anderson sono amici d’infanzia: cresciuti insieme nel remoto villaggio di Tactic nel Guatemala Centrale, i ragazzi frequentano la stessa scuola, lavorano negli stessi campi, e giocano insieme. Le loro vite sembrano molto simili, ma c’è una grande differenza: Anderson ha accesso all’elettricità, Areli no. La nonna di Anderson, Ilse Lopez, riflette su come è cambiata la vita di Anderson da quando ha avuto accesso all’energia solare.
Tomorrow
Programma VR 2
Venerdì 19 gennaio h 19:30, 20:30, 21:30     
Sabato 20 gennaio h 15:30, 16:30, 17:30, 18:30, 19:30, 20:30, 21:30, 22:30         
Domenica 21 gennaio h 15:30, 16:30, 17:30, 18:30, 19:30, 20:30, 21:30, 22:30
Extravaganza / Ethan Shaftel / USA / 2017/ 6′     
Selezione Ufficiale al Tribeca Film Festival, Extravaganza unisce animazione 3D e live action in una breve satira immersiva. Quando lo spettatore indossa il visore, diventa un pupazzo intrappolato in un incredibilmente offensivo spettacolo di burattini.
Tomorrow / Nicolás Alcalá / USA / 2017 / 6'        
Un’esperienza VR narrativa su come l’uomo nei secoli si sia evoluto attraverso il linguaggio. Un viaggio ipnotico che ha inizio nelle grotte preistoriche e nella giungla dell’Amazzonica e che ci porta fino alle vette più alte dell’Himalaya. Alla fine del viaggio, il VR, nuovo linguaggio che introduce una nuova era dell’evoluzione umana.
Sergeant James / Alexandre Perez / Fra / 2017 / 7′        
Leo deve andare a dormire, ma ha paura che ci sia qualcosa sotto il suo letto. Si tratta dell’innocua immaginazione di un ragazzino, o di qualcosa di più sinistro? Diretto da Alexandre Perez, Sergeant James cattura l’innocenza dell’infanzia, la meraviglia dell’ignoto, la follia della paura e la terrificante possibilità che le cose siano più raccapriccianti di quanto sembrino.

giovedì 18 gennaio 2018

FRANTOIO TURRI PROTAGONISTA A OLIO OFFICINA FESTIVAL 2018

Dall'1 al 3 febbraio 2018 torna l'evento dedicato all'olio a Palazzo delle Stelline (Milano). L'olio Turri in abbinamento alla carne di qualità verificata di Bruno Bassetto
Anche quest'anno Frantorio Turri sarà tra i principali protagonisti e partner di Olio Officina Festival. La kermesse nazionale sull'olio da olive ideata da Luigi Caricato, giunta quest'anno alla settima edizione, sarà ospitata nelle sale del Palazzo delle Stelline a Milano. Sabato 3 febbraio alle 12, in Sala Saggi Assaggi Chagall, Laura Turri del Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese (Verona) accompagnerà Bruno Bassetto, maestro macellaio, nello show cooking Guida agli abbinamenti. L’olio Dop Garda e la carne. L'olio extra vergine di oliva Garda DOP Turri sarà presentato in abbinamento alla battuta di carne sorana veneta di qualità verificata tagliata al coltello. Un'unione che mette al centro dell'attenzione il valore delle materie prime, la qualità e il territorio.
"La produzione di olio di qualità – afferma Laura Turri, co-titolare insieme ai fratelli Mario, Luisa e Giovanni del Frantoio Turri- è da sempre il nostro primo obiettivo. Alla base c'è un lungo lavoro di studio e ricerca di sistemi di produzione innovativi, uniti ad un’attenta selezione della materia prima e all'amore per gli olivi e per la nostra terra".
Una scelta che si trova d'accordo con le tematiche di Olio Officina Festival. “Io sono un albero” sarà infatti il tema portante della manifestazione che svilupperà intorno al tema dell'olivo e degli alberi tutti i principali appuntamenti in programma. A dare il via all'evento sarà l'ideatore Luigi Caricato giovedì 1 febbraio alle 16 in Sala Leonardo. La giornata inaugurale, unica ad ingresso gratuito, proseguirà fino alle 20.30 attraverso mostre d'arte, proiezioni, dibattiti sull'olio, una conferenza spettacolo e l'assegnazione dei Premi Olio
Officina – Cultura dell'olio. Venerdì 2 e sabato 3 febbraio invece, la manifestazione aprirà dalle 9.30 alle 20.30. Grande spazio sarà dato alle degustazioni guidate con laboratori di assaggio nelle diverse sale del palazzo. Ingresso al prezzo di 15 euro. Maggiori informazioni e programma completo al sito: www.olioofficina.com

Info in breve | Olio Officina Festival 2018
Quando: 1, 2 e 3 febbraio 2018
Dove: Palazzo delle Stelline a Milano (Corso Magenta 61)
Orari: giovedì 1 febbraio dalle 16 alle 20.30, venerdì 2 e sabato 3 febbraio dalle 9.30 alle 20.30
Modalità di partecipazione: la giornata iniziale è a ingresso libero, con accesso consentito fino ad esaurimento posti. Il prezzo del biglietto giornaliero per venerdì e sabato è di 15 euro.

CARDI GALLERY | LONDON CLAUDIO VERNA a cura di Piero Tomassoni In mostra a Londra dal 24 Gennaio al 30 Marzo 2018 Inaugurazione: Martedì, 23 Gennaio, ore 18-20




 

La Cardi Gallery London ha il piacere di presentare per la prima volta a Londra una grande retrospettiva di Claudio Verna, con opere storiche e recenti dal 1967 al 2017. La mostra è a cura di Piero Tomassoni.

Claudio Verna (Guardiagrele, Italy, 1937) è uno dei protagonisti della pittura italiana degli anni ‘70. Figura di riferimento della “Pittura analitica” o “Pittura-Pittura”, Claudio Verna era parte di un piccolo gruppo di artisti che verso la fine degli anni ‘60 sentirono l’esigenza di tornare a dipingere, in un momento in cui molti consideravano la pittura una forma d’arte senza futuro. Questi artisti esploravano e analizzavano la pittura concentrandosi sui suoi elementi fondanti - lo spazio, la forma e il colore.

Le opere di Verna dal 1967 al 1977 contengono l’essenza di quella che può essere considerata la risposta italiana al Minimalismo americano. Dall’Hard-edge al Colour Field, si possono tracciare molti paralleli con la pittura nordamericana degli anni ‘60, con figure quali Frank Stella, Barnett Newman e Kenneth Noland. Tuttavia, dal 1978 in poi, Verna trova una dimensione differente, in cui il gesto si libera e il colore ritrova la sua centralità.

La mostra è la prima personale di Claudio Verna nel Regno Unito e include oltre 20 opere che coprono l’intera carriera dell’artista, che dura da oltre mezzo secolo. Molte opere di grandi dimensioni degli anni ‘60 e ‘70 sono messe a confronto con dipinti più recenti, illustrando l’evoluzione linguistica dell’artista dagli inizi a oggi. Come scrive il curatore della mostra Piero Tomassoni nel saggio in catalogo: “... sono opere non da leggere ma da guardare, la cui forza risiede nel proiettare lo spettatore in uno spazio nuovo, lo spazio di colore in cui da sempre si muove Claudio Verna”.

mercoledì 17 gennaio 2018

Ecrudo apre il suo Bistrot da febbraio una pausa pranzo gourmet






Il fine dining restaurant Ecrudo (… e non solo) nella stessa location in via Savona, 11 apre dal 5 febbraio “Ecrudo Bistrot” dedicato al lunch con un menù creato appositamente dagli chef Umberto Vezzoli e Angelo Mancuso per far vivere un’esperienza gourmet nella pausa pranzo.
Ecrudo Bistrot sarà aperto dalle 12.00 alle 14.30 e, accanto ad insalate, panini e primi piatti con pasta fresca, propone un novità esclusiva: componi la tua scottata. In cosa consiste? Il cliente sceglie il suo piatto in 3 step: la scelta della cottura e della base (2 carni e 2 pesci), il topping (naturale, carciofi, pomodorini, ecc …) e il condimento
L’essenzialità dei sapori, la qualità e la scelta delle materie prime, gli ingredienti freschi e un giusto equilibrio tra estetica e gusto: anche nei piatti del Bistrot ritroviamo gli elementi su cui si basa tutta la filosofia della cucina di Ecrudo. Un luogo in cui “stare bene” non solo per la cucina, in un ambiente piacevole e confortevole, con un servizio eccellente e dove potersi rilassare.

Ecrudo Bistrot
Via Savona 11 – Milano
Tel (+39) 02 83390006
ecrudomilano@ecrudo.it
Orari 12.00 – 14.30
Giorni di apertura: dal lunedì al venerdì
Prezzo medio per la pausa pranzo 15-20 €

Friuli Venezia Giulia: le proposte del calendario extra sci per vivere la montagna


Villa Chiozza di Cervignano, 17 gennaio 2018 - Sono le racchette da neve a far da padrone tra le proposte extra sci dell’inverno sulle montagne del Friuli Venezia Giulia, dalle escursioni più semplici a quelle per i più allenati e preparati a maggiori dislivelli, fino alle romantiche e suggestive passeggiate al chiaro di luna. Non mancano però uscite sulla neve con le fat bike, visite sui luoghi della Grande Guerra nelle zone montane e soprattutto attività pensate per i bambini e le loro famiglie.
I venerdì delle ciaspole sono appuntamenti consigliati per i principianti. Da gennaio al 16 marzo a Sauris e Forni di Sopra le guide naturalistiche dell'AIGAE e sullo Zoncolan i maestri della scuola Ski Academy accompagnano i partecipanti alla scoperta della wilderness che distingue questo lembo di Alpi e Dolomiti, Patrimonio mondiale dell'UNESCO, attraverso itinerari semplici che consentono di cogliere il fascino della montagna più autentica a contatto con una natura incontaminata e selvaggia.
Non presentano difficoltà alpinistiche ma sono riservate a partecipanti più allenati e in grado di sostenere dislivelli tra i 600 e i 1000 metri le escursioni con racchette da neve organizzate a Tarvisio, Sella Nevea, Pontebba, Malborghetto Valbruna, secondo appuntamenti domenicali previsti fino all’8 aprile che si alternano con giornate Free Ride con guida alpina a Sella Nevea. Sono itinerari scelti tra i percorsi più interessanti e spettacolari della zona.
Richiedono l’impegno di un’intera giornata le ciaspolate in quota sulle Alpi Carniche e Dolomiti Friulane. Sono organizzate nel fine settimana a Paluzza, Paularo, Sauris, Forni Avoltri dal 5 gennaio al 18 marzo secondo un calendario che prevede ogni volta itinerari diversi.
Il fascino della neve di notte si può assaporare con le ciaspolate serali e notturne a Ravascletto, Sauris, Forni di Sopra. Sono semplici escursioni accompagnate da guide e consigliate a tutti, in cui le sfumature del tramonto sono il preludio di un'esperienza ancora più suggestiva: la magia dell'ambiente innevato in notturna. Si svolgono fino a marzo secondo un calendario che ruota tra le tre località.
Un altro modo per vivere la neve è quello con la fat bike. Tarvisio, Sella Nevea, Malborghetto Valbruna propongono escursioni accompagnate in fat bike su percorsi innevati adatte a tutti, dai 14 anni in su, della durata di due ore. E ancora Sutrio propone il suggestivo Zoncolan con la fat bike, praticabile tutti i giorni con l’accompagnamento di un maestro MTB.
Per gli appassionati di storia si ripetono anche quest’anno le visite Tarvisiano e Carnia – La Grande Guerra in montagna. Dal fondovalle fino alle cime delle Alpi Giulie e Carniche, i soldati della Grande Guerra furono protagonisti anche lungo questo tratto di fronte, caratterizzato da enormi difficoltà logistiche e da condizioni di vita non semplici. Lo si può scoprire tutti i sabati fino a marzo al Parco Tematico Grande Guerra "Abschnitt Saisera" di Valbruna oppure l’11 e il 18 febbraio partendo da Forni Avoltri lungo il Lago Volaia, un itinerario che prevede l’uso delle ciaspole.
Chi ama i prodotti gastronomici apprezzerà i laboratori di cucina ad Arta Terme durante i quali si impara a cucinare insieme a una chef i piatti della tradizione carnica, come i cjalsons. Sempre in Carnia, sullo Zoncolan e a Sauris, è prevista fino ad aprile l’attività “Al galoppo sulla neve” dedicata a chi ha già molta familiarità con l’equitazione e vuole praticare questa disciplina in un contesto diverso.
Molto ricco anche il programma di attività sulla neve a Piancavallo organizzato da Eupolis con ciaspolate serali e notturne, passeggiate e animazione sulla neve per la famiglia, uscite con le fat bike ed escursioni all’alba.
Ampio spazio è poi come sempre riservato alle famiglie. A Tarvisio con l’iniziativa Ciasporellando all’imbrunire, ogni martedì e giovedì pomeriggio fino a marzo, qualificati istruttori accompagnano i bambini alla scoperta delle racchette da neve, mentre a Ravascletto la scuola di sci Carnia Zoncolan accompagna le famiglie sul sentiero degli “Sbilf”. Sempre i bambini il 14 febbraio a Forni di Sopra possono fare una passeggiata con l’asinello Biagio, reduce dalle fatiche natalizie. E ancora, riservato a bambini e ragazzi è il primo approccio con lo sci nordico con lezioni di fondo a Paluzza ogni sabato fino al 24 febbraio e l’approccio al biathlon nella Carnia Arena di Forni Avoltri. Ma in alternativa alle attività sulla neve c’è il Pony Club di Arta Terme, un maneggio in cui ogni sabato e domenica i bambini possono apprendere le caratteristiche comportamentali dei cavallini e prepararsi per la parte pratica a una breve cavalcata in struttura coperta. Presto arriverà il Carnevale e Tolmezzo con Martedì Grasso al Museo il 13 febbraio apre le porte del suo Museo Carnico delle Arti e Tradizioni per far scoprire ai bambini dai 5 ai 12 anni miti e leggende del carnevale in Carnia. E ancora di ispirazione carnevalesca è la Caccia al tesoro naturalistica riservata ai bambini dai 6 ai 14 anni in programma il 12 febbraio a Forni di Sopra.
Per informazioni e prenotazioni www.turismofvg.it

Nuovi corsi e convenzioni per gli appassionati di birra 16 gennaio 2018

Smaltite le feste, ricominciano i corsi di The Good Beer Society per gli appassionati di birra, con alcune collaborazioni inedite.

I prossimi corsi in programma sono:
  • 28 gennaio – HOMEBREWING ALL GRAIN @ 10 Gradi Nord, via Watt 5, Milano
  • dal 29 gennaio al 12 marzo – BEER LOVER @ Birrificio Italiano – Milano, via Ferrante Aporti 12, Milano 

Per info e iscrizioni: www.thegoodbeersociety.it/#eventiebeertour

In tema di collaborazioni, The Good Beer Society offre da oggi una convenzione con sconto del 10% alle socie dell’Associazione Le Donne della Birra e ai clienti dello shop online Ninkasishop.it. Sarà sufficiente presentare la tessera dell’Associazione o una fattura di acquisto per lo shop online.
A loro volta, le corsiste potranno iscriversi all’Associazione Le Donne della Birra risparmiando 2€ sulla quota annuale (15€ per le appassionate, 25€ per le professioniste) e usufruendo dei servizi e delle convenzioni offerte. Per i corsisti interessati ad acquistare materiali dal sito Ninkasishop.it ci sarà ugualmente uno sconto del 10%, presentando la fattura del corso.

Per le immagini e le locandine degli eventi cliccare qui
The Good Beer Society nasce, come ogni buona birra, da un blend equilibrato e variegato di ingredienti; abbiamo sostituito le 4 componenti fondamentali (acqua, malto, luppolo e lievito) con competenze tecniche di degustazione, formazione, comunicazione e, ingrediente imprescindibile per donare il giusto aroma, un’infinita passione per il mondo birrario.
The Good Beer Society propone un’ampia scelta per gli appassionati di birra: corsi di formazione, workshop di homebrewing, eventi, beer tour e beer experience.
Corsi di Formazione: 3 moduli da svolgere in sequenza, ma indipendenti a livello contenutistico. Conseguendo il primo livello si diventa Beer Lover, approfondendo gli argomenti si acquista il titolo di Beer Expert e, per i veri cultori della materia, la certificazione di Beer Geek. Ogni corso è composto da 7 lezioni ed è previsto un esame al terzo modulo con rilascio del diploma, che consente di diventare degustatore ufficiale e relatore The Good Beer Society.
Workshop di Homebrewing: 2 moduli, uno dei quali incentrato sull’utilizzo della tecnica kit + grani e uno dedicato al metodo all grain. Il primo modulo è pensato per chi intende avvicinarsi alla produzione della birra, mentre il secondo, più complesso, utilizza processi, materie prime e attrezzature simili a quelli dei birrifici.
Eventi & Beer Tour: eventi, serate birrarie a tema, degustazioni e incontri con i birrai dei migliori birrifici italiani e internazionali. Per chi avesse qualche giorno da dedicare alle proprie passioni vengono organizzati tour birrari nazionali e internazionali.
Beer Experience: esperienze a tema birra create ad hoc, beer team building, minicorsi, eventi personalizzati.

Oltre allo staff di Rossi&Bianchi e di Marco Giannasso, The Good Beer Society si avvale di degustatori, birrai, homebrewer e appassionati di birra, a creare il gruppo dei “Brewtiful People”.

Rossi&Bianchi: agenzia di comunicazione ed eventi formata da professionisti con un solido background in marketing e comunicazione, sommelier, degustatori di birra e appassionati del mondo del Food&Beverage, attiva nel settore da oltre 10 anni, si occupa della comunicazione di diversi birrifici e dell’organizzazione di eventi e iniziative formative nel settore birrario. A seguire queste attività è soprattutto Michela Cimatoribus, che già da qualche anno si è avvicinata per passione alla birra artigianale e ha conseguito oltre al diploma di sommelier AIS anche quello di degustatore ufficiale con Unionbirrai. Alla fine del 2014 nasce il desiderio di dare vita a un nuovo progetto per proporre agli appassionati un’esperienza birraria davvero di qualità in collaborazione con altri appassionati e così il sodalizio con Marco Giannasso  porta alla nascita, nei primi mesi del 2015, di The Good Beer Society.
Marco Giannasso riconduce le radici della sua passione per la birra a metà degli anni '80, un amore destinato a crescere nel tempo: nel 2000 comincia la sua esperienza come homebrewer che tutt'ora continua a portare avanti, dal 2006 inizia il percorso di degustatore prima frequentando vari corsi con Associazione Degustatori Birra ed Unionbirrai e poi divenendo il responsabile stesso dei corsi dell'Associazione Unionbirrai.
La sua esperienza nel campo della degustazione si accrescerà con la partecipazione in qualità di giudice a vari concorsi homebrewer, Birra dell'Anno, World Beer Cup, European Beer Stars e con la fondazione nel 2011 degli Unionbirrai Beer Tasters. Nel 2017 avvia una nuova attività di affinatore di birra con il progetto Draco’s Cave.

Per informazioni:
The Good Beer Society
c/o Rossi&Bianchi snc
Via G.B. Bertini, 3 - 20154 Milano
+39 02 31810072
info@thegoodbeersociety.it
Fb: The Good Beer Society
Twitter: @gbeersociety
Instagram: The_good_beer_society
Hashtag ufficiali: #tgbs #brewtifulpeople
www.thegoodbeersociety.it